CAF: IMU CAF: IMU CAF: IMU CAF: IMU CAF: IMU
Crea sito

CAF: IMU


L’art. 13, D.L. n. 201/2011, c.d. decreto “Salva Italia”, ha anticipato al 2012 l’applicazione, in via sperimentale fino al 2014, dell’IMU prevista dal D. Lgs. n. 23/2011.

L’IMU è un’imposta patrimoniale che si applica sulla rendita catastale degli immobili posseduti.

La nuova imposta ai sensi del comma 2 del citato art. 13 ha “come presupposto il possesso” di:

  • fabbricati (anche rurali);
  • aree fabbricabili;
  • terreni agricoli;
  • abitazione principale e relative pertinenze

Per ognuna di queste componenti andranno in primo luogo valutati gli effetti dell’incremento dei coefficienti moltiplicativi che sono stati disposti dalla norma ai fini della determinazione del valore imponibile IMU, nonché verificate con attenzione le similitudini e le differenze rispetto alle basi imponibili dell’ICI.

È evidente che, da un lato, le informazioni riguardanti l’ICI sono una delle fonti più importanti, ma dall’altro, l’effetto espansivo dell’IMU rispetto all’ICI non risiede soltanto nell’incremento dei coefficienti e dell’aliquota ordinaria, bensì anche nell’abolizione di diverse aree di esclusione ed esenzione che devono essere valutate in modo il più possibile specifico.

Il decreto ha previsto che il pagamento dell’IMU deve essere effettuato unicamente con il modello di delega unificata (modello F24). Non sono ammessi pagamenti con bollettini di conto corrente postale o altre modalità diverse dal modello F24.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fornito importanti chiarimenti esplicativi con la Circolare 18 maggio 2012, n.3/DF (prot. n. 9485/2012) “Imposta municipale propria (IMU). Anticipazione sperimentale. Art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214” (TRIBUTI LOCALI – IMU – ANTICIPAZIONE SPERIMENTALE – CHIARIMENTI).


CAF: IMU